Rinascimento ufologico - inizia il vero studio scientifico su gli UFO/UAP


Ci troviamo ora in un moderno rinascimento ufologico.

Per decenni, i ricercatori accademici hanno relegato lo studio degli UFO alla pseudoscienza, ma poiché le prove diventano sempre più difficili da ignorare, alcune organizzazioni stanno finalmente prendendo provvedimenti per rendere legittimo il campo di studi e alcuni scienziati stanno lottando per portare rigore accademico nella ricerca sugli UFO. Prova di Wix

Come Richard Hoffman, un esperto di tecnologia informatica da 25 anni a contratto con il Comando dell'esercito degli Stati Uniti presso l'Arsenale di Redstone a Huntsville, in Alabama. Come Senior Lead Architect, mantiene l'infrastruttura digitale dell'esercito in funzione e al sicuro dagli attacchi. È anche un ricercatore UFO.

"La comunità scientifica deve ancora affrontare i decenni di stigmatizzazione associati a ciò che vedono come pseudoscienza o scienza marginale", dice Hoffman. "Molti scienziati hanno interesse nel fenomeno, ma il più delle volte sono scoraggiati dagli altri ad abbracciarlo, tanto da nasconderlo".

Richard Hoffman è uno dei tre membri del consiglio di amministrazione che gestiscono un'organizzazione scientifica no profit nota come Scientific Coalition for UAP Studies (SCU). Dove UAP sta a significare "fenomeni aerei sconosciuti o non identificati", l'attuale rebranding del termine UFO.


Nonostante tutto, sembra ci siano cambiamenti all’orizzonte. Dal 2001 del Disclosure Project fino ad ora, la consapevolezza che il fenomeno sia reale si è fatta largo anche fra i più scettici. C’è da sperare che anche accademici e scienziati nel prossimo futuro, possano interessarsi seriamente all’argomento. Come si rapporta a tutto questo lo SCU?

L'ufologia contemporanea rende ancora nervosi accademici e scienziati. Anche con il recente annuncio da parte della Marina che gli UAP violino effettivamente lo spazio aereo americano e che il Pentagono conduca il “Programma di identificazione delle minacce aerospaziali avanzate”. Ma le persone iniziano a porre più domande e alcuni scienziati stanno iniziando a partecipare.

"Siamo incoraggiati da questo e crediamo che continuerà ad avanzare, tuttavia, la stessa comunità UFO è composta da fazioni che continuano a far rabbrividire gli scienziati", afferma Hoffman. “SCU sta cercando di supportare scienziati e ricercatori seri, concentrandosi su ciò che la scienza può fare per far avanzare i propri interessi. Ci vedono come un luogo sicuro in cui le teorie della cospirazione sono inesistenti e le metodologie scientifiche vincono. "

Quindi, mentre l'esistenza degli UFO non è più oggetto di dibattito, la loro fonte lo è.

La comunità UFO è sempre stata composta da rinnegati culturali e sociali che perseguitano i margini della cultura tradizionale, con argomentazioni che gettano tutto nel ridicolo. Mentre alcuni sorridono ancora al pensiero di oggetti aerei anomali che occupano il nostro cielo, le informazioni classificate (ora declassificate) dei governi lentamente divengono di dominio pubblico.

"Oggi sono rimaste pochissime organizzazioni UFO", afferma Hoffman. "Dei pochi che rimangono, la maggior parte hanno il ruolo di raccolta dati, anziché lo studio scientifico a lungo termine dei singoli casi".

Come si approccia allo studio scientifico sul fenomeno UAP la SCU?

La SCU raccoglie dati che possono essere analizzati e studiati da esperti scientifici, generando successivamente articoli sottoposti a revisione paritaria pubblicati su riviste e siti Web, afferma Hoffman. La SCU non raccoglie rapporti di avvistamento UAP giornalieri, ma piuttosto, scava nei casi più complessi in cui potrebbero esistere più dati sensoriali come tracce radar e video.

La SCU recentemente ha svolto un ruolo significativo nello studio dell'incontro UFO di Nimitz, pubblicando un rapporto di quasi 300 pagine sull'incidente.

Il documento SCU esamina i dati disponibili e le testimonianze disponibili sul caso di Nimitz, concludendo:

"i risultati suggeriscono che, date le informazioni disponibili, le capacità dell'AAV sono al di là di qualsiasi tecnologia nota”, suggerendo che: "è fortemente raccomandata la pubblicazione di tutti i registri della Marina associati a questo incidente per consentire un'indagine completa, scientifica e aperta".

Inoltre, poche settimane fa, la rivista Popular Mechanics pubblicò le testimonianze di diversi altri militari che assistettero all'incontro di Nimitz sui loro sistemi radar e sui sistemi video della loro nave.

La comunità di ricerca sugli UFO è abituata ad avere scarsi dati sugli incidenti con gli UFO. La stragrande maggioranza dei casi è puramente aneddotica. Quando sono disponibili prove o dati fisici, la ben consolidata cospirazione ufologica e le macchine per la creazione di miti iniziano a mettere a repentaglio quei dati. Nella vostra visione futura, tutto questo cambierà in meglio?

"Fino ad oggi, non vi è stata un'indagine scientifica approfondita e ben finanziata su questi fenomeni utilizzando strumenti investigativi all'avanguardia e un team investigativo dedicato", dice Robert Powell, membro del consiglio di amministrazione della SCU ed esperto di fisica dei dispositivi. La SCU punta a un cambiamento.

I 69 membri attivi della SCU sono soprattutto scienziati, ex ufficiali militari ed ex personale delle forze dell'ordine con esperienza tecnica e background investigativi, afferma Powell. E le credenziali sono impressionanti: ex dottorandi della NASA, membri con background che includono Lockheed, NORAD e U.S. Space Command, ad esempio

Per iniziare a colmare il divario tra la comunità di ricerca sugli UFO e la comunità scientifica, la SCU ha creato un team che inizierà una rivista peer-reviewed. "I piani iniziali prevedono che il diario sia biennale con il primo diario pubblicato nella prima metà del 2020", afferma Powell.

"Chiunque desideri inviare un documento al giornale, lo può fare contattndo la SCU".


Tuttavia, nonostante tutti i promettenti progressi, la SCU e organizzazioni simili stanno ancora affrontando una dura battaglia. Il tabù decennale gli UFO circostanti e il loro studio è profondamente radicato nelle comunità scientifiche e accademiche consolidate.

E’ ancora un argomento che può distruggere una carriera professionale.


Ufficialmente, gli UFO sono diventati oggetto di ridicolo con l'ascesa di profeti e culti UFO della new age, dalle storie di uomini spaziali Venusiani, alle basi aliene in Antartide, alla fusione tra fenomeno UFO e culture cospirative; oltre a coloro che affermavano di essere canalizzatori alieni o ambasciatori di alieni che viaggiano nel tempo, usando la credulità delle persone per guadagnarsi da vivere. Non c'è da meravigliarsi che accademici, professionisti e scienziati abbiano evitato di trattare pubblicamente l'argomento.

Quindi qualcosa sta cambiando oggi?

"Non ho la sensazione che la comunità scientifica sia più interessata o aperta di quanto non lo fosse prima", ha detto Alexander Wendt, professore di scienze politiche presso la Ohio State University. “Ma ciò che è cambiato, penso, è la politica. Penso che il vento stia cambiando su questo, proprio come accade su molte cose. Sono probabilmente i giovani in particolare che stanno guidando il cambiamento e sono più aperti ".

Wendt, fa parte del consiglio di amministrazione di UFOData, un progetto progettato per creare sistemi di osservazione ad alta tecnologia per monitorare i cieli e tenere traccia di fenomeni anomali. Sa che esiste un tabù che circonda la ricerca sugli UFO e che ottenere fondi per studiare gli UFO è ancora impossibile. Secondo Wendt, né il governo né alcuna organizzazione scientifica consolidata finanzieranno la ricerca sugli UFO. La soluzione sembra essere il crowdfunding o la ricerca di donatori privati ​​che investiranno in questi progetti.

UFOData non è l'unico gruppo impegnato in studi osservazionali. Per tre decenni, il progetto Hessdalen, una piccola stazione di osservazione che sorveglia una valle della Norvegia soggetta a strani fenomeni di luce, è stata finanziata congiuntamente dal Østfold University College e da donazioni personali. Un'altra organizzazione, l'UFO Data Acquisition Project (UFODAP), sta anche costruendo piccole unità informatiche progettate per monitorare e tenere traccia delle stranezze aeree. Utilizzando più sensori, l'unità di acquisizione dati UFO è progettata per registrare e tracciare UAP, oltre a fornire metadati che possono essere analizzati.


Persone comuni, curiosi, appassionati, testimoni oculari, accademici e scienziati guardano quindi a questo nuovo “Rinascimento ufologico”, con fiducia. Forse sarà un futuro senza bombardamenti di video fake, senza clickbait su scienziati della NASA shoccati da qualcosa e senza articoli con improbabili dichiarazioni su gli UAP. Un futuro senza contattisti new age, dove l’Umanità che si domanda e chiede cosa siano gli UFO/UAP possa progredire nella ricerca e nella comprensione del fenomeno, nonché nella divulgazione degli studi effettuati.

Speriamo bene ...