"Tully" un antico mostriciattolo- nuovi studi


Un possibile look per il mostro di Tully. Credito: Nobu Tamura / Wikimedia, CC BY-SA

Di tanto in tanto, gli scienziati scoprono fossili così bizzarri da sfidare le attuali classificazioni. Tullimonstrum (noto anche come il mostro di Tully), un fossile di 300 anni scoperto nei letti fossili di Mazon Creek nell'Illinois, negli Stati Uniti, è una di queste creature.


Il mostro di Tully fu scoperto negli anni '50 da un collezionista di fossili di nome Francis Tully. Probabilmente, poteva raggiungere una lunghezza fino a 35 centimetri (14 pollici). A prima vista, sembra simile a una lumaca gigante. Ma dove ti aspetteresti che sia la sua bocca, la creatura ha un'appendice lunga e sottile che termina in quello che sembra un paio di artigli. Poi ci sono i suoi occhi, che sporgono verso l'esterno su delle protuberanze.


Tully è così strano che gli scienziati non sono nemmeno riusciti a concordare se si tratta di un vertebrato (con una spina dorsale, come mammiferi, uccelli, rettili e pesci) o di un invertebrato (senza una spina dorsale, come insetti, crostacei, polpi e tutti gli altri animali ). Nel 2016, un gruppo di scienziati ha affermato di aver risolto il mistero di Tully, fornendo la prova più forte che fosse un vertebrato. Ma Chris Rogers

(Ricercatore post dottorato in Paleobiologia, University College di Cork) e i suoi colleghi hanno condotto un nuovo studio che mette in discussione questa conclusione, il che significa che questo mostro è più misterioso che mai.

Il fossile di Tullimonstrum. Credito: Ghedoghedo / Wikimedia, CC BY-SA

Ci sono stati molti tentativi di classificare il mostro di Tully. La maggior parte di questi studi si è concentrata sull'aspetto di alcune delle sue caratteristiche più importanti. Questi includono una caratteristica lineare nel fossile interpretata come prova di un intestino, la banda chiara e scura del fossile e gli peculiari artigli afferranti della sua bocca. Il piano corporeo del Mostro di Tully è così insolito nella sua interezza che amplierà notevolmente la diversità di qualsiasi specie a cui risulterà appartenere, cambiando il modo in cui pensiamo a quel gruppo di animali.


Una ricerca del 2016 concluse che l'animale dovrebbe essere raggruppato con i vertebrati perché i suoi occhi contengono granuli di pigmento chiamati melanosomi, che sono disposti per forma e dimensione allo stesso modo di quelli negli occhi dei vertebrati. Ma la nuova ricerca mostra che gli occhi di alcuni invertebrati come polpi e calamari contengono anche melanosomi suddivisi per forma e dimensione in modo simile agli occhi di Tully, e che questi possono anche essere conservati nei fossili.


Afferma Chris Rogers:
"Per fare questo, abbiamo usato un tipo di acceleratore di particelle chiamato sorgente di radiazione di sincrotrone situata presso la Stanford University in California. Questo ci ha permesso di esplorare la composizione chimica dei campioni di fossili e di animali che vivono oggi. Il sincrotrone bombarda gli esemplari con intense esplosioni di radiazioni per "eccitare" gli elementi al loro interno. Quando eccitato, ogni elemento rilascia raggi X con una firma specifica. Rilevando le firme dei raggi X emesse, possiamo dire quali elementi sono stati eccitati e alla fine di cosa è fatto il campione a cui siamo interessati".

E' stata quindi analizzata la chimica degli occhi di Tully e il rapporto tra zinco e rame era più simile a quello degli invertebrati rispetto ai vertebrati. Ciò suggerisce che l'animale potrebbe non essere stato un vertebrato, ma ancora non è detto.


Alla fine l'enigma di che tipo di creatura è il Tully Monster continua. Ma la nostra ricerca dimostra come lo studio dei fossili a livello chimico e molecolare possa svolgere un ruolo importante nel capire l'identità di questa e di altre creature enigmatiche

Rappresentazione del Tullimonstrum dell'artista PaleoEquii / Wikipedia, CC BY-SA